ARCHEOLOGIA

Il sito archeologico di Valle Giumentina, una delle principali testimonianze del Paleolitico inferiore e medio in Abruzzo, è una vera e propria finestra sull’evoluzione della Majella. 
L’Ecomuseo del Paleolitico, inaugurato l’8 giugno 2013 nella Valle Giumentina, è un punto di partenza per la ricerca e la scoperta delle ricchezze che il territorio racchiude.
Attraverso la riproposizione di sei tholos, capanne in pietra a secco, architetture povere tipiche dell’ambiente agro-pastorale abruzzese, si è guidati in un percorso didattico e conoscitivo, alla lettura del paesaggio naturale, archeologico e storico derivato da un affascinante e secolare rapporto tra uomo e ambiente.
In contrada Sant’Agata è sta­to riportato alla luce l’altare votivo di una piccola chiesa altomedievale, al quale le donne devote a Sant’A­gata si recavano per propiziarsi la fecondità e l’abbondanza di latte; al bivio Col di Gotte sono emersi resti di un complesso santuariale, risalente nelle sue prime fasi al II-I secolo a.C.
L’Ecomuseo Valle del Lejo è uno spazio museale all’aperto con macchinari originali impiegati per il trasporto e la lavorazione del bitume nelle miniere della Majella.